Una passione chiamata Poesia

Notazioni a marginePaolo Scrobogna è un medico pneumologo da sempre con la passione della poesia e della letteratura in genere. Notazioni a margine, pubblicato dalla casa editrice Kimerik, è l’unico libro di poesie pubblicato dall’autore nonostante la sua decennale esperienza ed amore verso essa. Cerco di scoprire come sia avvenuto questo ribaltamento di visione rispetto alle sue creature, che prima teneva tutte per se ed ora decide di farne beneficiare tutto un pubblico, gli pongo qualche domanda chiarificatrice per comprendere anche il suo estro, la sua vita, il suo mondo poetico. Continua a leggere

Annunci

L’estate dei segreti perduti

l'estate dei segreti perdutiCompro questo libro, mi colpisce il titolo, lascia presagire che non è niente di pesante, il cervello non deve impiegare vagonate di energia per comprendere un centimetro di riga scritta. Porto a casa il tometto e mi accorgo che a caratteri estesi si precisa Miglior romanzo Young adult, ma cosa diavolo è questa nuova dicitura? Scartabello un po’ qua un po’ là su internet e scopro che sono tutto quei romanzi dedicati ad un pubblico tra i 15 ed i 25 anni, bene io sono fuori dai giochi! Ma figuriamoci se mi faccio abbattere da una cosuccia del genere ed indago meglio su i generi che comprende, molta paccottiglia ma anche molte cose interessanti. Continua a leggere

Guardati dalla mia fame

GuardatiL’ambientazione del romanzo è ad Andria ( Puglia ), 6 marzo 1946 il sindacalista Giuseppe Di Vittorio, nel pomeriggio di quel giorno, nella piazza principale deve sostenere un comizio, ma qualcosa va storto, uno sparo proveniente dal Palazzo delle sorelle Porro – ricche signore, latifondiste e invise alla popolazione di braccianti, ossia la maggioranza della popolazione del periodo – scatena un parapiglia e la gente arrabbiata, risentita si riversa verso il palazzo. Continua a leggere

Pane e acqua di rose

pane_e_acqua_di_roseEccomi di nuovo qui a recensire il sequel di Caffè Babilonia: Pane e acqua di rose, ritroviamo il tocco magico della Mehran,  la sua eleganza nello scrivere, non la perdo.

Le tre sorelle scappate dall’Iran – come esattamente ha fatto la stessa autrice – continuano a vivere in questo piccolo borgo dell’Irlanda occidentale, un po’ retrograda e gretta, ma soprattutto piena di pregiudizi. Il Caffè va benissimo, è un continuo passa parola, di bocca in bocca la fama aumenta per le delicatezze e squisitezze orientali preparate da Marjan e servite dalle altre sorelle. Ma purtroppo anche i guai e le difficoltà  non finiscono e devono far ricorso a tutte le loro forze per superarli con dignità. Continua a leggere

L’economia dell’Italia

atlante donnaBuongiorno a tutti voi e buona domenica,  è quasi una settimana che sono sparita e vi chiederete che fine abbia fatto. Ebbene vi posso rispondere con cuor leggero che dai piani alti, ma molto alti, dove nessuno può accedere hanno deciso che io, da sola, debba sostenere l’economia italiana e quindi lavorare tutto il mese di agosto con solo il riposino della domenica. Davanti ad un piano così elevato ed una responsabilità così importante che mi veniva affidata mi potevo tirare indietro? La risposta già la conoscete, e quindi mi ritrovo qui oggi a chiedervi scusa per la mia assenza e darvi un veloce ma caro saluto, allora ricapitoliamo: se non mi vedete sappiate che ci sono e che prima o poi, in questo caldo agosto, ricomparirò, dove voglio andare? Ma va bene così! Ce la posso fare! Un bacio a tutti! 🙂

Il massacro di Tlatelolco

AmuletoSettembre 1968 truppe d’assalto di Città del Messico entrano nell’Università ed arrestano tutti, dagli studenti ai professori e per finire ai bidelli.

Ottobre 1968 il governo Messicano in seguito alle manifestazioni e proteste studentesche che si stavano svolgendo nella capitale ordina e ottiene grazie all’esercito il massacro di oltre trecento studenti (agenzie governative smentiscono, naturalmente, affermando che erano solo circa cinquanta) a Tlatelolco (era presente anche la scrittrice/giornalista Oriana Fallaci, rimasta gravemente ferita durante gli scontri). Continua a leggere

L’eleganza della Mehran

Caffe_BabiloniaCaffè Babilonia di Marsha Mehran,  è un romanzo che posseggo da un po’ di anni, non sono riuscita mai a leggerlo, ma  in questo luglio così afoso l’ispirazione è tornata. Alcuni libri ti sfuggo di mano come se avessero un’anima, un moto proprio, diventano letteralmente inafferrabili e misteriosi, fin quando non si fanno acciuffare e tu non li lasci più. La scrittrice – prematuramente morta l’anno scorso a soli trentasei anni – ci regala una scrittura elegante, soffice e dolce come una sfogliata ( la frolla ), ti riempie e ti abbandona satolla piena di profumi ed aromi. Continua a leggere