Lo scaffale infinito – Storie di uomini pazzi per i libri

L’immersione nella lettura di questo saggio per me – amante dei libri ed eterna ricercatrice di essi – è stato un sublime stato di gratitudine per colui che lo ha scritto. Un viaggio lungo trecentosessantaquattro pagine, che avrei voluto non finissero mai, ma come tutte le cose belle prima o poi si esauriscono.

lo scaffaleLo scaffale infinito scritto con tono leggero e suadente ci trasporta nella storia di uomini che hanno voluto con tutte le loro forze costruire e immagazzinare libri e librerie tanto per la loro bramosia tanto per poterla donare agli altri.

Si parte da Francesco Petrarca il primo staffettista della storia delle biblioteche, che ha accumulato per se e per gli altri tanto da concordare con la Repubblica veneziana la cessione della sua libreria affinché venisse sempre tenuta integra ed aumentata. Naturalmente il brano riguardante Petrarca si arricchisce di aneddoti e parti riguardanti la sua vita, delle vere chicche.

Personaggi importanti ne troviamo quanti ne vogliamo anche quelli insospettabili come il figlio di Cristoforo Colombo, Hernando Colòn, anche per lui interessa più la volontà di collezionare e tramandare. Con il peso di un nome e di un padre così ingombranti, Hernando desidera fare un impresa da ricordare, ed è così che si rivolge ai libri più nel cercarli e nell’accumularli. Parte da una base del padre avuta in eredità di circa duecento volumi per partire alla ricerca di essi per tutta Europa.

Il bello di questi racconti sta nel fatto che mai risultano noiosi, non si limitano a raccontare le avventure e le peripezie degli uomini illuminati, ma vengono frammezzate da racconti personali dell’autore ed anche incursioni prese dagli scritti o dalla memoria dei loro diari.

Bellissime le parti riguardanti le sole ed uniche donne bibliofile che si condettero lo scettro di maggior accaparramento librario, quasi nello stesso periodo: Madame de Pompadour (difficile a credersi, vero?) e Caterina II di Russia.

Fino ad arrivare ad uno dei poeti più amati della storia della letteratura italiana: Giacomo Leopardi che, ad onor del vero, la sua grande ed immensa biblioteca deve le sue radici al padre tiranno e despota, Monaldo Leopardi.

Così arriviamo vicino ai giorni nostri con Borges ed Eco.

Il tutto come già accennato si sviluppa con chiara intenzione di volerci dare non un semplice elenco degli uomini pazzi per i libri nella storia, ma racconti di vita vissuta nel quotidiano e che forse molte volte tenuta celata o mai realmente espletata come si sarebbe meritata. Sottovalutata e soggiaciuta per sviluppare altri argomenti di interesse letterario. Ma la conoscenza e la letteratura sono anche questo, scoprire il grande nel piccolo. Sapere che grandi scrittori, umanisti, papi sono stati dei veri appassionati della cultura per poterla trasmettere ed essere fruibile agli altri.

Quanti sforzi fatti, quanti soldi spesi, tanti anni per accumulare tomi introvabili e per poi , come la storia ci insegna, pochi giorni od attimi per perdere un patrimonio inestimabile.

I brani non sono solo quelli riportati da me, ma sono molti di più, ho solo accennato a quelli che hanno colpito la mia indole pur essendo tutto il saggio di grande interesse culturale, lo scrittore non si limita solo a questo, alla fine per chi non è ancora stanco e ne vuole sapere di più ci fornisce una bibliografia accurata e dettagliata (ho pescato molto da questa parte!).

Grazie allo scrittore Kerbaker oggi di queste imprese meravigliose possiamo godercene, almeno leggendole, anche noi.

Annunci

27 thoughts on “Lo scaffale infinito – Storie di uomini pazzi per i libri

      1. mi sono informata ho messo solo informativa sui cookies al banner iniziale perchè io non faccio pubblicità e non sono collegata a social come linkedin twitter e altri. Ciò dovrebbe bastare!

        Mi piace

      2. sono della tua stessa opinione, ma a volte anche io trovo gente permalosa ed ignorante che non capisce quello che volevo dire o come lo volevo dire! io ammetto le mie ignoranze non sono perfetta e non posso sapere tutto, per questo esistono persone come te, intelligenti ed appropriate! evvaiiiiii!

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...